Una terrazza sul mare in onore di Dalla. A Castellammare parla il marinaio dell'artista

dall'archivio storico di Metropolis

C’è una proposta bipartisan che mette d’accordo i politici di Castellammare di Stabia: «Una piazza intitolata a Lucio Dalla».  La proposta è partita dai consiglieri Michele Costagliola, Massimiliano De Julio e Antonio Sicignano. Hanno presentato presso gli uf?ci comunali la richiesta di cambiare nome a Largo Pozzano, ovvero una piccola terrazza, che affaccia direttamente sul golfo.

«Terrazza Lucio Dalla», che necessita però di una riqualificazione, diventerà così il ringraziamento della città all’artista bolognese che proprio a Castellammare aveva deciso di ormeggiare la sua sala di incisione galleggiante. Una barca ancora ancorata al porto di Marina di Stabia, nella quale vive ancora il marinaio fedelissimo di Lucio. Si chiama Toni, e racconta la vita di un uomo che ha segnato un epoca.

Qui, a Castellammare, Lucio Dalla è venuto un paio di volte in gran segreto, a provare testi e musica, mentre le onde accarezzavano la sua barca. Ora, sulla scaletta c’è un nastro rosso e sul pontile campeggia lo striscione piazzato da Enzo Di Martino, titolare di un’agenzia di pubblicità statica e dinamica. Toni lo guarda, scatta una foto e la posta sul suo profilo di facebook. «Lucio era un grande uomo», dice. «Sono stato con lui per 40 anni».

Tra qualche settimana lascerà Castellammare, perché quando i legali avranno ultimato la stima dei beni, lui sarà libero di tornarsene a casa, anche se in quella barca, che porta il nome di «Brilla e Billy» lascerà un pezzo della sua vita. Assieme a mille ricordi.

RAFFAELE SCHETTINO

08-03-2012 09:57:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso