Ambiente: escrementi di bufale in mare e falde: arresti

Non depurati nemmeno i veleni industriali

Un disastro ambientale epocale, al quale difficilmente si riuscirà a porre rimedio in meno di tre generazioni. Questo, secondo l'accusa, hanno provocato le società Hydrogest Campania e il consorzio di imprese Dondi/I.B.C./Impec, che gestiscono quattro depuratori nelle province di Napoli e Caserta, e alcuni allevatori di bufale. Rifiuti non trattati venivano sversati nei regi lagni, la rete di canali costruita dai Borbone per il deflusso delle acque piovane, e da lì finivano in mare. Ventisei ordinanze di custodia cautelare e ventinove misure reali sono state eseguite dalla Guardia di Finanza nell'ambito di un'inchiesta delle Procure di Santa Maria Capua Vetere e Nola.

Agli arresti domiciliari sono finiti gli allevatori, mentre misure interdittive sono state emesse nei confronti di Gaetano
De Bari, amministratore delegato della Hydrogest, Domenico Giustino, presidente del consiglio di amministrazione della stessa società, Luigi Piscopo, capo impianto del depuratore di Orta di Atella, e Mauro Pasquariello, capo impianto del depuratore di Foce Regi Lagni. Numerosi gli indagati, tra cui dirigenti della Regione Campania e docenti universitari che fanno parte della commissione regionale di esperti gestione impianti di depurazione. Dai controlli compiuti da Arpac ed Enea è emerso che nei regi lagni e nel terreno finiscono gli escrementi di migliaia di bufale; in questo modo non solo è stato inquinato il mare, ma anche le falde acquifere. Altre terribili sostanze inquinanti provengono dai quattro depuratori non funzionanti: secondo l'accusa, le società che li gestivano evitavano di fare la manutenzione e di smaltire i fanghi in discarica per guadagnare di più. In mare, dunque, finiscono rifiuti industriali e urbani non trattati, autentici concentrati di veleni. stato inoltre accertato che tre Comuni della provincia di Caserta (Casal di Principe, San Cipriano d'Aversa e Casapesenna) sversano direttamente nei regi lagni le acque nere, nonostante i cittadini paghino comunque le tasse per la depurazione. Gli indagati sono stati definiti "ladri di futuro" dal procuratore di Santa Maria Capua Vetere, Corrado Lembo. Impressionante l'elenco di reati contestati: disastro ambientale, avvelenamento di acque, truffa aggravata, danneggiamento di acque ed edifici pubblici, gestione illecita di rifiuti, immissione di rifiuti in acque superficiali ed abbandono su suolo, interruzione di pubblico servizio, distruzione e deturpamento, scempio paesaggistico ambientale, omissione di atti d'ufficio, falsità in atti commessa anche da pubblici ufficiali. "Il dato più allarmante - ha commentato il procuratore generale, Vincenzo Galgano - è l'indifferenza generalizzata per la salute e per il futuro. Non è un problema solo giudiziario: queste persone hanno tolto vivibilità e salute non solo ai figli, ma anche alle generazioni future, eppure di questi argomenti non si parla quanto sarebbe necessario. Ora vigileremo affinché la Regione faccia le bonifiche".

16/04/2010 Visualizza l'Archivio Cronaca


MARINELLA - 16/04/2010 20:26:07 NON HO PAROLE QUESTO E SOLO UNO SCHIFO PER ME QUESTE PERSONE DOVREBBERO PRENDERE L'ERGASTOLO PER IL DIASASTRO CAUSATO A UNA POPOLAZIONE INTERA E ANCHE AD UNA FUTURA GENERAZIONE NON HO PAROLE...
ANTONIO - 16/04/2010 21:14:03 Tutela ecologia ed ambiente Un sincero e cordiale grazie alla magistratura e alle fiamme gialle per il brillante risultato conseguito. Grazie di cuore per quello che riuscite a fare ! Un cittadino che aa la legalità.
ARRABBIATO - 17/04/2010 13:53:49 SIETE RIDICOLI LEGGENDO QUESTE RIGHE MI ACCORGO DELLA INSUFFICIENZA DELLA LEGGE ITALIANA. E PROPRIO RIDICOLA..... VORREI CAPIRE QUAL'E LA DIFFERENZA TRA UN MAFIOSO O UN CAMORRISTA E QUESTA PERSONE? PERCHE I MALAVITOSI VENGONO CONDANNATI CON PENE SEVERISSIME E QUESTI INDIVIDUI ANCH'ESSI BARBARI VENGONO MANDATI A CASA,DOPO AVER DISTRUTTO L'AMBIENTE E CHISSA QUANTE PERSONE MORIRANNO PER TUTTO CIO CHE HANNO COMBINATO.....VERGOGNATEVI PARI PENE PER TUTTI.....ANZI A STI BASTARDI CHE INQUINANO FATEGLI BERE UN BEL LITYRO DI LIQUIDI CHE SVERSANO NELL'AMBIENTE
L'ERRORE

Al Comune di Teggiano pronosticano la data di morte di una cittadina sulla carta d'identità

LETTERATURA

"Party per non tornare" il romanzo collettivo di Gruppo Nove

IL VIDEO

L'Ateneo di Salerno diventa 'Happy'

LA PROTESTANO

Pompei: lavoratrici della casa di riposo Borrelli contro la privatizzazione

Coca nei generatori: il video della Guardia di Finanza

MERKEL A NAPOLI

Napoli: Merkel a spasso per Chiaia, sosta al Gambrinus

 

SPORT

Calcio: Udinese - Napoli 1-1

IL CASO

Da Castellammare la protesta dei residenti di Via De Gasperi: "Lavori fermi, siamo ostaggio di una recinzione tra topi e degrado. Nessuno ci ascolta" - VIDEO 

IL CASO

Castellammare, tornano le giostrine in villa comunale. E presto aree gioco anche nelle periferie - VIDEO

SCAVI

Il ministro Franceschini agli scavi di Pompei. Tre domus restaurate e apertura ai privati: "Convenzione in stile Ercolano" - VIDEO

L'INIZIATIVA

Il Sacro Ordine Militare Costantiniano approda a Castellammare. Impegno per il sociale e la cultura - L'INTERVISTA

COSTA DEL VESUVIO

Turismo, Irollo: "Fare sistema per il rilancio del territorio"

IL CASO

Abusivismo edilizio, Cantone: "Scelte chiare, no ad un condono che non decide niente"

CASTELLAMMARE

"Un calcio d'amore", il romanzo di Tonino Scala diventa un film. Ieri al via il casting - VIDEO

CASTELLAMMARE

Stanchi di immondizia e degrado, privati puliscono la strada di Quisisana

Dillo a Metropolis

LAVORO E CONCORSI

TECNOMANIA


Previsioni Meteo

CULTURA


GUSTO




Rubriche

Tecnomania

Hero, il phablet dual sim

Cultura

Bisi nella cattedrale degli illuminati. Un giornalista alla guida della massoneria

Gusto

"Infrarossi" Sanniti