Basta protesi al seno, con le staminali due taglie in più

Rimodellare il seno - fino a due taglie in più - con le cellule staminali, senza ricorrere alle protesi: è la tecnica proposta dal chirurgo plastico Marco Moraci, ricercatore in scienze chirurgiche e biotecnologiche della Seconda università di Napoli. La tecnica prevede il prelievo di grasso dall'addome o dall' interno coscia, attraverso le classiche cannule da liposuzione. Il grasso, una volta estratto, viene lavorato in un macchinario che estrae le cellule staminali in alte concentrazioni. A questo punto le cellule staminali vengono riaddizionate ad altro grasso precedentemente estratto sempre dalla stessa paziente, e poi iniettate nel seno con delle piccole cannule da infiltrazione. "Il risultato di questa tecnica? Permette - spiega Moraci, che opera tra Londra e Napoli - di aumentare il seno sino a due taglie in più, non prevede tutti i rischi legati alle protesi mammarie.

Non comporta cicatrici, se non quelle di 5 mm dovute all' inserimento delle cannule. Il risultato è permanente e non prevede, a differenza delle protesi, altri interventi chirurgici futuri. L'intervento è effettuato in regime di day hospital, ed in anestesia locale; è relativamente indolore e comporta solo qualche livido e lieve gonfiore delle zone trattate". Questa tecnica può essere utilizzata anche per correggere asimmetrie congenite o asimmetrie presenti in seguito ad interventi chirurgici demolitivi della mammella. Le staminali possono essere impiegate anche nella ricostruzione del seno dopo un intervento di asportazione, totale o parziale, in seguito a un tumore, ma solo dopo 5 anni dall'esordio della malattia. "Il 5 maggio scorso si è tenuto a Houston un congresso mondiale di chirurgia plastica durante il quale l' American Society of Plastic Surgery e la Food and Drug Administration hanno riconosciuto la validità di tale tecnica e la sicurezza dei materiali utilizzati", ricorda Moraci.

09/06/2011 Visualizza l'Archivio Cronaca


rosy - 23/09/2011 10:03:33 staminali ma quanto costa farlo?
L'INIZIATIVA

Il Sacro Ordine Militare Costantiniano approda a Castellammare. Impegno per il sociale e la cultura - L'INTERVISTA

COSTA DEL VESUVIO

Turismo, Irollo: "Fare sistema per il rilancio del territorio"

IL CASO

Abusivismo edilizio, Cantone: "Scelte chiare, no ad un condono che non decide niente"

CASTELLAMMARE

"Un calcio d'amore", il romanzo di Tonino Scala diventa un film. Ieri al via il casting - VIDEO

CASTELLAMMARE

Stanchi di immondizia e degrado, privati puliscono la strada di Quisisana

L'INIZIATIVA

Torte per il contest: "I love Ottaviano"

Scavi di Pompei

Visita a sopresa della Merkel agli Scavi di Pompei

AMBIENTE

Rivo San Marco, l'impegno di Fratelli d'Italia Giovani. Martedì dibattito al Miramare  - VIDEO

INFILTRAZIONI CAMORRISTICHE

Antimafia, Claudio Fava a Gragnano: "La politica va bonificata" - VIDEO

GIOVANI

Gragnano, parlano i giovani: "La città non ci offre niente, il nostro futuro sarà fuori" - VIDEO

CASTELLAMMARE

Niente stipendio, protesta al depuratore: VIDEO

 

CASTELLAMMARE

Pannullo (Pd): "Castellammare ferma nell'immobilismo ed ora perde anche il giudice di pace"

CASTELLAMMARE

L'appello dei lavoratori socio sanitari: chiedono alla Regione di essere reintegrati - VIDEO

CASTELLAMMARE

Acqua pubblica, Città Viva chiede un consiglio comunale monotematico

DRAMMA LAVORO

Micron: dopo eBay impiegati in vendita su manifesti

Dillo a Metropolis

LAVORO E CONCORSI

TECNOMANIA


Previsioni Meteo

CULTURA


GUSTO




Rubriche

Tecnomania

Z1 Compact, esperimento riuscito

Cultura

Bisi nella cattedrale degli illuminati. Un giornalista alla guida della massoneria

Gusto

Fantasia di carciofi a Schito