Camorra, scontro tra clan: armi e munizioni sequestrate

dall'archivio storico di Metropolis

A Napoli, al rione Forcella, e nei quartieri Sanità, Poggioreale, San Giovanni a Teduccio e Ponticelli, i carabinieri hanno eseguito un servizio di controllo del territorio disposto dopo gli episodi che hanno segnato una ripresa della conflittualità tra i clan camorristici Contini e Mazzarella. Numerose le perquisizioni eseguite dai militari delle compagnie Poggioreale e Stella, con la collaborazione del decimo battaglione Campania, del nucleo cinofili di Napoli e del settimo nucleo elicotteri di Pontecagnano. In via Al chiaro di luna, nascosto nel vano ascensore di uno stabile utilizzato da alcuni fiancheggiatori del gruppo criminale Casella, attivo al rione Luzzatti, sono state rinvenute una pistola calibro 9, una pistola calibro 7,65, munizioni di vario calibro nonché numerose dosi di cocaina e hashish. In via del'Annunziata, in una cantina in disuso situata nella storica roccaforte dei Ferraiuolo, affiliati al clan Contini, sono state trovate 150 cartucce di vario calibro. Sono state rimosse alcune opere abusive di "fortificazione" e disattivati alcuni sistemi di videoripresa montati abusivamente per eludere i controlli di polizia. Le armi sequestrate saranno inviate al Racis di Roma per accertare il loro eventuale utilizzo in agguati di camorra.

19-01-2011 19:53:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA