Droga: due arresti a Napoli e Calvizzano

NAPOLI - Due arresti tra Napoli e provincia
per associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di droga
da parte dei carabinieri del nucleo investigativo di Castello di
Cisterna.
A Calvizzano è stato arrestato Giuseppe Crispino, 54 anni,
sottoposto agli arresti domiciliari, destinatario di un ordine
di carcerazione emesso dalla procura generale di Napoli dovendo
espiare 4 anni, 8 mesi e 29 giorni di reclusione per
associazione per delinquere finalizzata al traffico ed allo

spaccio di stupefacenti.
A Napoli, nei quartieri spagnoli, in un garage in disuso, dove
aveva trovato dimora da alcuni mesi,é stato bloccato Domenico
Russo, 30 anni, sottoposto agli arresti domiciliari,
destinatario di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura
generale di Napoli dovendo espiare 3 anni, 11 mesi e 14 giorni
di reclusione nonché una multa di 20.000 euro per la legge
sulla droga. Gli arrestati sono stati condotti al carcere di
Poggioreale.
16/08/2009 Visualizza l'Archivio Cronaca


LEGA PRO

Juve Stabia, tante domande e la certezza di aver subito torti. Ecco la lettera a Malagò

SERIE A

De Laurentiis: «Cari tifosi, fidatevi: vi regalerò lo scudetto»

CALCIOMERCATO

I voti del mercato: Napoli, manca il colpo. Casertana e Benevento regine in Campania

NAZIONALE

Fabio Quagliarella torna in azzurro: lo stabiese convocato dopo 4 anni

CALCIOMERCATO

Falcao da van Gaal; Bonaventura è del Milan. Amauri-Torino. E spunta Saviola

LEGA PRO

Casertana grandi firme: colpo Mancosu!

LEGA PRO

Tris di acquisti per il Savoia: D'Appolonia, Perna e Malivojevic

NUOTO

Capri-Napoli, ecco l'edizione numero 49

LEGA PRO

Casertana, partenza forte e attesa per il bomber

LEGA PRO

Juve Stabia: tutto fatto per Foggia

Dillo a Metropolis

LAVORO E CONCORSI

TECNOMANIA


Previsioni Meteo

CULTURA

CULTURA

GUSTO




Rubriche

Tecnomania

One mini 2, piccolo grande smartphone

Cultura

Mostre: Da Van Gogh a Chagall a Picasso, autunno super

Gusto

A tavola con le star al Quartum Store di Quarto

Ditelo A Metropolis

Figli e figliastri anche sull'Alibus