Fiat di Pomigliano: riapre la fabbrica, ma a ottobre addio all'Alfa

POMIGLIANO D'ARCO -

Il 28 ottobre prossimo gli operai dello stabilimento Fiat di Pomigliano d'Arco potrebbero dire definitivamente addio al marchio Alfa Romeo, a quarant'anni circa dall'avvio della produzione del primo modello automobilistico nella fabbrica. Secondo fonti sindacali, infatti, gli addetti al modello Alfa 159, unico ancora in produzione nello stabilimento pomiglianese, varcheranno i cancelli per l'ultima volta con le tute Fiat proprio in quella data, per dare poi spazio alla newco ed alla realizzazione della nuova Panda di Fabbrica Italia Pomigliano. Stamattina a varcare i cancelli sono stati circa un migliaio di lavoratori, richiamati al Vico per due settimane di fila di produzione su un unico turno. Dal 19 al 30 settembre, invece, potrebbero rientrare gli addetti al secondo turno, sempre del modello Alfa 159, e lo stop dovrebbe perdurare fino al 10 ottobre per una nuova ripresa di quattro giorni.

Ma l'ultima vettura del modello potrebbe essere prodotta il 28 ottobre, data in cui terminerebbe la realizzazione del modello Alfa Romeo nello stabilimento, quest'ultimo nato negli anni '40 per la produzione di motori aeronautici e 'convertito' ai modelli automobilistici a partire dal 1972, quando fu realizzato il primo degli oltre 642mila esemplari usciti dalla fabbrica di modello 'Alfasud'. Nell'86 lo stabilimento entro' a far parte del gruppo Fiat, ma in 39 anni gli operai di Pomigliano hanno realizzato migliaia di vetture e solo due dei 23 modelli prodotti hanno avuto marchio diverso dall'Alfa Romeo: la Fiat Tipo, realizzata dall'89 al 90, e l'Autobianchi Y10, prodotta dall'87 al '95. Dal 28 ottobre cambiera' tutto, e a viale Alfa si produrra' soltanto la nuova Panda.

29/08/2011 Visualizza l'Archivio Cronaca


sergio d'alessandro - 29/08/2011 20:51:30 lancia delta dimenticate la lancia delta, prodotta nei primi anni 90.
IL CASO

Castellammare, tornano le giostrine in villa comunale. E presto aree gioco anche nelle periferie - VIDEO

SCAVI

Il ministro Franceschini agli scavi di Pompei. Tre domus restaurate e apertura ai privati: "Convenzione in stile Ercolano" - VIDEO

L'INIZIATIVA

Il Sacro Ordine Militare Costantiniano approda a Castellammare. Impegno per il sociale e la cultura - L'INTERVISTA

COSTA DEL VESUVIO

Turismo, Irollo: "Fare sistema per il rilancio del territorio"

IL CASO

Abusivismo edilizio, Cantone: "Scelte chiare, no ad un condono che non decide niente"

CASTELLAMMARE

"Un calcio d'amore", il romanzo di Tonino Scala diventa un film. Ieri al via il casting - VIDEO

CASTELLAMMARE

Stanchi di immondizia e degrado, privati puliscono la strada di Quisisana

L'INIZIATIVA

Torte per il contest: "I love Ottaviano"

Scavi di Pompei

Visita a sopresa della Merkel agli Scavi di Pompei

AMBIENTE

Rivo San Marco, l'impegno di Fratelli d'Italia Giovani. Martedì dibattito al Miramare  - VIDEO

INFILTRAZIONI CAMORRISTICHE

Antimafia, Claudio Fava a Gragnano: "La politica va bonificata" - VIDEO

GIOVANI

Gragnano, parlano i giovani: "La città non ci offre niente, il nostro futuro sarà fuori" - VIDEO

CASTELLAMMARE

Niente stipendio, protesta al depuratore: VIDEO

 

CASTELLAMMARE

Pannullo (Pd): "Castellammare ferma nell'immobilismo ed ora perde anche il giudice di pace"

CASTELLAMMARE

L'appello dei lavoratori socio sanitari: chiedono alla Regione di essere reintegrati - VIDEO

Dillo a Metropolis

LAVORO E CONCORSI

TECNOMANIA


Previsioni Meteo

CULTURA


GUSTO




Rubriche

Tecnomania

Z1 Compact, esperimento riuscito

Cultura

Bisi nella cattedrale degli illuminati. Un giornalista alla guida della massoneria

Gusto

A Paternopoli il broccolo è aprilatico