Autostrade, Iannuzzi-Vaccaro: "Ridurre il pedaggio"

dall'archivio storico di Metropolis

Tino Iannuzzi e Guglielmo Vaccaro, deputati del Pd, hanno presentato al ministro delle Infrastrutture una nuova interrogazione "diretta a sollecitare l'intervento del Governo con urgenza e determinazione nei confronti della Sam, concessionaria dell'autostrada, per ridurre i pedaggi differenziati sulla Napoli - Pompei, entrati in vigore dal primo gennaio 2011".
   "Il pedaggio differenziato, essendo legato ai chilometri effettivamente percorsi in sostituzione della precedente tariffa unica ed indistinta - spiegano - viene incontro alle giuste esigenze delle tantissime persone che utilizzano l'autostrada ogni giorno per ragioni di studio, lavoro, per percorsi brevi e medi. Ma i nuovi pedaggi debbono rispettare le tariffe, tratta per tratta, già indicate in commissione Trasporti della Camera lo scorso 21 luglio 2010 e, cioé, appena 5 mesi orsono, dal vice ministro alle Infrastrutture Castelli". "Invece - aggiungono - sono entrate in vigore tariffe più elevate ed onerose di quelle previste dal ministero a luglio ed in risposta ad una nostra interrogazione". "Occorre una decisa e forte iniziativa del Governo e dell'Anas nei confronti della Sam per modificare e abbassare le tariffe e per riportarle ai pedaggi indicati a luglio - ribadiscono - Il Governo deve attivarsi perché i suddetti e pesanti incrementi sono del tutto ingiustificati, inaccettabili, privi di ogni giustificazione e contraddicono la volontà già espressa dal ministero in Parlamento".
   Iannuzzi e Vaccaro contestano "al Governo che ancora non è stato rispettato l'impegno, più volte assunto da esecutivo e Anas, di consentire agli utenti l'acquisto del telepass non al prezzo attualmente sul mercato di 49 euro, ma al mero costo di produzione, circa 20 euro".

04-01-2011 11:16:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso