Capri, centrale elettrica: sequestrato impianto

dall'archivio storico di Metropolis

 Il gip Paola Di Nicola ha firmato un provvedimento di sequestro, con facoltĂ  d'uso degli impianti che erogano l'energia sull'isola, della centrale elettrica della Sippic a Marina Grande di Capri (Napoli). Tre vertici dell'azienda, tra cui il presidente Ettore De Nardo, risultano indagati per le ipotesi di inquinamento ambientale. Si tratta di uno sviluppo dell'inchiesta del pool della Procura di Napoli, guidato dal procuratore aggiunto Aldo De Chiara, coordinatore di un gruppo di magistrati, che si stanno occupando dell'inchiesta sull'ipotesi di inquinamento provocato dalla centrale elettrica.

   Lo stesso De Chiara, insieme con le forze dell'ordine, si era recato a settembre in visita agli impianti che sono stati ancheal centro di una serie di manifestazioni degli abitanti che lamentavano i rischi d'inquinamento marino e del sottosuolo della centrale nella quale si sono verificati due black out la scorsa estate. Con De Nardo risultano indagati due altri dirigenti.

   L'operazione è stata portata a termine da un nucleo di agenti della Guardia Forestale che stamattina hanno varcato i cancelli degli impianti di Largo Fontana.

25-03-2010 17:06:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso