Uil: «Troppi 8 milioni per la mappatura, faremo esposto»

dall'archivio storico di Metropolis

A Pompei "non serve spendere 8 milioni e 200 mila euro per la mappatura del rischio". Lo denuncia la Uil dei beni culturali, che cita le dichiarazioni del preside della facoltà di architettura di Napoli Carmine Gambardella ('Con noi mappatura a costo zerò) e lancia un nuovo appello a Galan. Mentre annuncia un esposto alle Procure di Napoli, Torre Annunziata e Roma per chiedere che venga aperta una inchiesta. E chiede che il consiglio superiore dei beni culturali torni a riunirsi sul tema Pompei per discutere quanto denunciato dal professore napoletano e rivedere anche il parere espresso ieri in tutta fretta". "Se è vero che esiste gia un lavoro che immaginiamo sia stato offerto al Mibac -sottolinea la Uil- è grave che durante la riunione del Consiglio Superiore questo non sia emerso. Non vorremmo che dietro il piano relativo alle indagini vi siano interessi che potrebbero coinvolgere consulenti e talune università. Per questo la Uil nelle prossime ore invierà un esposto alle Procure della Repubblica di Napoli, Torre Annunziata e Roma affinchè aprano un inchiesta per capire se quanto è stato portato all'approvazione del Consiglio Superiore non sia viziato da interessi sconosciuti agli stessi ConsiglierI".

09-06-2011 21:09:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso