Il business delle piantagioni di droga: arrestate 16 persone tra Castellammare e Casola. Nella rete anche Mario Cuomo

dall'archivio storico di Metropolis

Coltivata anche ad Eboli e spacciata in quantità industriali nei comuni dei monti Lattari: Casola, Gragnano e Lettere in testa. Trenta chili venduti ogni due settimane. Era l’hashish auto-prodotta e venduta dall’organizzazione sgominata stamattina dai carabinieri della Compagnia di Castellammare, al termine di un’inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata. Sedici persone arrestate con l’accusa di concorso in produzione, detenzione e traffico di sostanze stupefacenti: otto in carcere, altri otto ai domiciliari. In tre sono stati sottoposti all’obbligo di firma.

Tra i capi dell’organizzazione spiccano i nomi di Antonino Di Lorenzo, 48 anni e Ciro Orazzo 50 anni, entrambi di Casola, e di Adriano Sabatino 37enne originario di Torre del Greco e residente ad Eboli. Sarebbe stato lui a gestire la coltivazione nelle zone demaniali di Campolongo, nel comune del salernitano. Lì, il 10 settembre 2010, ci fu il maxi sequestro di tre tonnellate di piante di marijuana.
Ma soprattutto tra i nomi degli indagati c’è quello di Mario Cuomo di Casola, ‘o caniello, il pregiudicato ucciso il 6 agosto scorso sui campi di calcetto a Gragnano. Lui uno dei principali organizzatori del traffico, ma non è ancora chiaro se il suo omicidio sia legato a questioni di droga.
Gli arrestati sono tutti di Casola, Gragnano e Lettere, tranne Alberto Lubrino 32 anni del Penniniello di Torre Annunziata.

Notevolissima l’attività di indagine svolta tra il marzo 2010 e il giugno 2011: ottomila conversazioni intercettate su 24 utenze telefoniche, 200 episodi di spaccio ricostruiti dai carabinieri, numerosissimi assuntori segnalati alla Prefettura. Ricostruito, insomma, l’intero processo di produzione e commercializzazione della droga sui Lattari.

i.

ALESSANDRA STAIANO

20-11-2012 10:18:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso