Nocera Inferiore, incidente mortale a Boscoreale: identificati 40 medici e operatori sanitari

Giovane morto dopo una settimana di agonia nel reparto di rianimazione dell'ospedale "Umberto I" di Nocera Inferiore. Sono 40 - tra medici e operatori sanitari - i camici bianchi identificati dalla polizia giudiziaria, su delega della procura di Nocera Inferiore, pm Ernesto Caggiano - e che ora rischiano di finire nel registro degli indagati, accusati di omicidio colposo.

Ad una svolta l'inchiesta aperta dopo la morte di Roberto Orlando, il centauro 21enne di Boscoreale, vittima di un grave incidente stradale nei pressi dell’area mercato di Scafati, ad una manciata di metri dal cimitero. L'indagine è stata aperta dopo l'esposto dei familiari del giovane al magistrato. Nella mattinata di ieri il pubblico ministero ha chiesto alla polizia giudiziaria di effettuare una scrematura della lista dei medici e dei paramedici identificati, tutti quelli che, in 7 giorni hanno tenuto in cura Roberto Orlando. Già nella mattinata di oggi la lista potrebbe assottigliarsi e il pubblico ministero iscrivere nel registro degli indagati i sanitari che hanno effettivamente curato il giovane, fino al decesso. Roberto era in rianimazione nell’ospedale di Nocera Inferiore da una settimana. Venerdì scorso, poi, è arrivato il decesso. Per la famiglia qualcosa è andato storto. Le sue condizioni di salute, seppur gravissime, sembravano migliorare giorno dopo giorno. Gli stessi genitori iniziavano a nutrire più di una speranza. Ma poi il cuore di Roberto ha smesso di battere alle due di notte di venerdì, sette giorni dopo il tragico impatto con un’autovettura mente era in sella alla sua moto di grossa cilindrata. L'autopsia dovrebbe essere effettuata entro venerdì prossimo. La scomparsa di Roberto ha sconvolto la cittadina di Boscoreale, dove il giovane viveva con la famiglia. Il padre, Antonio, oltre ad essere un imprenditore di successo, è stato consigliere comunale di maggioranza durante l’amministrazione di Gennaro Langella. Un politico conosciuto e stimato da tutti. E quando è stata appresa la notizia della scomparsa di Roberto, la politica ha deciso di fermarsi. Tutte le manifestazioni elettorali sono state sospese per un giorno.
Il giorno del drammatico incidente Roberto era in sella alla sua moto, una Honda Transalp, nei pressi dell’area mercato di Scafati, ad una manciata di metri dal cimitero. Stava facendo ritorno a casa. Lo attendevano gli amici e i parenti riuniti per mangiare una pizza in compagnia. Ad un tratto, secondo i primi rilievi, è spuntata un’auto con a bordo due ragazzi. L’impatto è stato frontale e non ha lasciato a Roberto margini di manovra. Nonostante indossasse il casco integrale, il 21 enne è stato scaraventato a terra, per poi essere travolto dalla sua stessa motocicletta. A soccorrerlo per prima, a quanto pare, sarebbe stata una donna. Un intervento prezioso che gli avrebbe consentito di continuare a vivere. Poco dopo, l'arrivo dell’ambulanza del 118 e la corsa all’ospedale di Nocera Inferiore. Le radiografie avevano evidenziato delle fratture multiple alla schiena, agli arti superiori ed inferiori, oltre a delle microlesioni ai polmoni. Ma il decorso - secondo i familiari -  lasciava ben sperare. Poi, dopo sette giorni, il cuore di Roberto ha smesso di battere. Ora, un’inchiesta della Procura dovrà stabilire se c'è stata imperizia dei medici dell'ospedale di Nocera Inferiore.

(Il testo continua dopo l'immagine.)

 
21/05/2013 Visualizza l'Archivio Cronaca

29/01/2015 23:20:57
LEGA PRO

LA STORIA | Salernitana: Nalini, la classe operaia va in paradiso

SERIE A

Benitez si riprende il podio della serie A: «Vittoria meritata ma voglio un Napoli più cinico»

LEGA PRO

Calil gela l'Aversa, la Salernitana non molla il Benevento

LEGA PRO

Juve Stabia - Casertana 1-0 | LE FOTO

SERIE A

Benitez rompe gli induci: «Fra 3 mesi decido il mio futuro»

LEGA PRO

Savoia: il presidente Manca apre all'ingresso di Matachione in società

LEGA PRO

Salernitana, il bomber Ginestra intraprende la carriera di allenatore

LEGA PRO

Benvento, l'attaccante Mazzeo potrebbe lasciare i sanniti prima del Savoia

ECCELLENZA

Scafatese, Incitti torna dalla squalifica per la sfida di coppa contro il Gragnano

ECCELLENZA

Gragnano, Di Ruocco jr è diventato il grande incubo della Scafatese


LAVORO E CONCORSI

TECNOMANIA

NOKIA
ZEROMOBILE
SONY
ATTIVA
AMAZON

Previsioni Meteo

CULTURA

TEATRO
LIBRI
LO SPETTACOLO
CULTURA
LIBRI: IL RAPIDO 904

GUSTO

I vincitori della Caputo Cup
il gusto nel libro a Piano
Torrone per l'Epifania
Un arcobaleno di sapori a Cava
inizio d'anno goloso a Pompei

METRO MUSIC

Le “Buatte” di Tony Cercola
Salerno, Capodanno in musica
CAPODANNO 2015
«I napoletani in via di estinzione»
MUSICA: C'E' PATTI SMITH

INTERVENTI

LAVORO: GARANZIA GIOVANI
FISCO: REGIME DEI MINIMI
ECOMOSTRI



Rubriche

Tecnomania

Lumia 735, l’ultimo smartphone Nokia

Cultura

I Ditelo Voi al Teatro Delle Rose di Piano di Sorrento

Gusto

I vincitori della Caputo Cup di New York