Capodanno di sangue a Istanbul, caccia al terrorista

1 di 19


Il bilancio dell'attacco terroristico nella notte di Capodanno a Istanbul e di 39 morti e 69 feriti, alcuni in gravi condizioni. E' caccia all'uomo in Turchia, l'attentatore del nightclub Reina è ricercato in tutto il territorio, l'uomo avrebbe sparato all'impazzata sulla folla, senza un bersaglio preciso cercando di uccidere più persone possibili. L'attacco non è stato ancora rivendicato ma l'attentatore, secondo le testimonianze di alcuni dei sopravvissuti, avrebbe urlato 'Allah Akbar' mentre apriva il fuoco dentro il locale. Nel pomeriggio un uomo armato ha sparato davanti ad una moschea di Istanbul ferendo almeno due persone prima di fuggire. Delle 39 vittime 24 sarebbero straniere: sette saudite, tre irachene, tre giordane, due libanesi, due tunisine, due indiane, una da Kuwait, Siria e Israele, un belga di origine turca ed un canadese-iracheno. Non risultano finora italiani coinvolti. Tra le vittime turche, c'è anche una guardia di sicurezza che era sopravvissuta il 10 dicembre scorso al duplice attentato dinamitardo al vicino stadio di calcio del Besiktas.
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso