Ercolano, lo scandalo dei rifiuti speciali sotto le classi dell'istituto superiore

1 di 6


Ercolano. I rifiuti speciali invadono il cortile dei locali occupati dalla sede dell’Asl Napoli 3 Sud e dalla succursale dell’istituto superiore Adriano Tilgher. Vergogna senza precedenti in via Marittima, alle prese con una preoccupante emergenza igienico-sanitaria. Nelle ultime settimane, infatti, l’immondizia in “comune” tra l’Asl Napoli 3 Sud e la scuola non è stata raccolta dagli operatori ecologici e in 15 giorni si è creata una vera discarica a cielo aperto, proprio al di sotto delle aule e a due passi dal padiglione dedicato ai vaccini per i neonati. Una pila di rifiuti in cui non mancano circa 30 sacconi neri e una valanga di rifiuti speciali come bende mediche e siringhe, in grado di provocare un odore nauseabondo al punto da costringere gli studenti a chiudere le finestre delle aule per non respirare l’aria putrida proveniente dalla “discarica”. Le due campane che si dividono lo spazio dato in concessione dal Comune di Ercolano sono alle prese con una situazione anomala e mai vista prima: «E’ vergognoso, abbiamo fatto una dozzina di esposti e segnalato la criticità della situazione agli uffici competenti, ma nonostante ciò, qui tutti i giorni passano i camion per la raccolta dei rifiuti e nessuno preleva l’immondizia», dicono dal distretto dell’Asl Napoli 3 Sud. A pochi passi di distanza c’è l’entrata del Tilgher, dove tutti sono a conoscenza dell’enorme pila d’immondizia eccetto il dirigente scolastico Umberto Marotta, il cui ufficio affaccia sul lato della strada: «Non mi ero reso conto della gravità della situazione - spiega - provvederò immediatamente a segnalare l’emergenza al sindaco Ciro Buonajuto. Il cattivo odore deriva dai rifiuti prodotti dall’Asl Napoli 3 Sud, perché noi gettiamo solo carte». Insomma, il classico valzer di responsabilità per uno scandalo che si tocca con mano appena varcata la soglia d’ingresso della struttura di via Marittima: i rifiuti si gettano proprio nel cortile che separa la scuola dall’Asl, al di sotto di 6 aule occupate da circa 120 studenti. Inoltre, a incorniciare l’assurdo quadro è il fatto che nel bel mezzo delle lezioni, intorno alle 11, un camion dei rifiuti fa accesso nel cortile e preleva solo una vagonata di bottiglie di vetro dalla pila dei rifiuti, innalzando cattivo odore e facendo un rumore pazzesco, distraendo gli alunni alle prese con le lezioni. Una situazione da incubo, fino a oggi irrisolta. (Daniele Gentile)
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso