Gesù nasce dietro le sbarre: il presepe dei detenuti di Poggioreale

2 di 3


A Poggioreale Gesù non nasce nella mangiatoia. La sua culla è il carcere. Ha la forma della casa circondariale riprodotta in miniatura e alla perfezione. Curata nei minimi particolari: con i tre portoni d’ingresso sul lato davanti e le torri vedetta ai quattro angoli. Niente paglia per il Bambino che sta per venire al mondo, ma un piccolo materasso avvolto da un lenzuolo, come quello dei letti nelle celle. E’ il presepe realizzato dai detenuti nella chiesa del carcere di Poggioreale.
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso