Scandalo al cimitero di Poggiomarino, detriti tra le tombe

1 di 4


Avrebbero voluto pregare per i propri cari che non ci sono più, avrebbero voluto posare un fiore sulla tomba di mamma o papà che sono volati in cielo troppo presto. Avrebbero, appunto. Perché non ci sono riusciti. Mattoni, terreno e detriti di vario genere gli hanno impedito, ormai da giorni, di poter rendere omaggio ai propri cari. Su quel vialetto del cimitero di Poggiomarino, di nuovo abbandonato a se stesso, c’è solo “monnezza”. Che nessuno porta via. Eppure i lavori di manutenzione straordinaria erano stati fatti a metà dicembre, annunciati con toni trionfalistici dagli uffici comunali dopo le decine di segnalazioni per tombe distrutte e aree abbandonate.
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso