Tra migranti sbarcati a Salerno anche piccola bara

1 di 24


In 991 sono sbarcati oggi sani e salvi nel porto di Salerno, solo uno non ce l'ha fatta: un bambino di meno di tre anni e' arrivato morto e per lui e' pronta una piccola bara bianca che ne accoglie le spoglie. L'ennesimo sbarco di migranti e profughi sul suolo italiano colpisce non solo per il numero - quasi mille persone tra uomini (701), donne (118) e minori (172) - ma anche per quella piccola vita che non e' riuscita a traversare indenne il mar Mediterraneo. Non si conoscono ancora la nazionalita' del bambino e le cause del suo decesso, che saranno chiarite dall'autopsia: al momento si sa soltanto che per lui sono gia' pronti un pantaloncino blu, una maglietta bianca e delle scarpette da ginnastica color del mare. Il piccolo verra' sepolto nel cimitero di Salerno, se l'ambasciata di appartenenza non richiedera' il corpo. "E' una situazione di assoluto dolore - ha detto il sindaco della citta' campana, Vincenzo Napoli - di fronte alla quale nutriamo il massimo rispetto. Noi facciamo quanto possiamo fare e lo facciamo con il cuore. Salerno fa la sua parte sempre e sicuramente ci saranno altri sbarchi. Noi siamo pronti, ma tutti debbono farsene carico in maniera globale". "Ogni volta che qualcuno muore in mare e' il piu' grande fallimento per tutti noi, perche' non abbiamo saputo dare loro un'alternativa al viaggio tremendo che hanno affrontato in cerca di un futuro" commenta all'ANSA Valerio Neri, direttore di Save the Children Italia. Secondo i dati dell'organizzazione, che partecipa con una sua nave ai salvataggi in mare e col suo staff a terra all'accoglienza dei minori, una su quattro tra le piu' di 1.200 persone morte o che risultano disperse dall'inizio dell'anno nel Mediterraneo centrale potrebbe essere una donna o un bambino. "Anzi, forse potrebbero essere molti di piu' - spiega Neri - visto che sono proprio loro a essere in maggiore difficolta' quando le imbarcazioni si rovesciano o affondano. Anche tra le persone soccorse in mare negli ultimi 3 giorni dalla nave di Save the Children sbarcata ieri a Vibo Valentia c'erano decine di adolescenti soli, 40 donne in stato di gravidanza e bambini anche piccolissimi, tra cui uno nato da appena una settimana". Tra le persone a bordo della nave norvegese Siem Pilot sbarcata oggi a Salerno vi era anche un ragazzo della Nuova Guinea ferito lievemente da un'arma da fuoco quando si trovava ancora in Libia. Il fatto sarebbe avvenuto quindici giorni fa, prima che si imbarcasse e a ferirlo sarebbe stato uno scafista, rimasto pero' in patria. Al momento la Squadra Mobile sta lavorando per ricostruire la dinamica dell'episodio, cosi' come sta sentendo alcune persone di nazionalita' libica, siriana, nigeriana e cambogiana. Per ora non risultano persone fermate ne' scafisti, ma il lavoro e' lungo e complesso anche per il numero dei migranti arrivati.
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso