Appalti sospetti, la Dia torna al Comune di Scafati

Appalti sospetti, la Dia torna al Comune di Scafati

Appalti, la Dia al Comune di Scafati

SCAFATI – Il sistema degli affidamenti diretti continua a essere oggetto dell’attività investigativa degli uomini della Dia, che ieri mattina hanno effettuato un nuovo blitz al Comune di Scafati nell’ambito dell’inchiesta Antimafia sui presunti rapporti tra i clan e l’amministrazione Aliberti. Così gli inquirenti, dopo aver parcheggiato l’auto nel cortile del Comando dei Vigili urbani di via Pietro Melchiade, sono ritornati a Palazzo Mayer per passare al setaccio i documenti sequestrati lo scorso 18 settembre, oltre a quelli richiesti a funzionari dell’ente negli ultimi mesi. Per il momento l’attenzione è concentrata sul sistema degli affidamenti diretti, appalti che non superano il valore dei 40mila euro e che il Comune può affidare senza dover ricorrere a una gara tradizionale.

+++TUTTI I DETTAGLI NELL’EDIZIONE ODIERNA DEL QUOTIDIANO METROPOLIS+++


ULTIME NEWS