Italia e Russia, l’arte dell’innovazione

Italia e Russia, l’arte dell’innovazione

Italia e Russia, l'arte dell'innovazione

Napoli e la Campania sempre più centrali nei rapporti tra l’Italia e la Federazione Russa. Si è tenuto stamane, presso il Banco di Napoli, il seminario «Italia-Russia: l’arte dell’innovazione», per promuovere ulteriormente le relazioni commerciali tra i due Paesi. Tra i relatori più importanti anche l’ambasciatore della Federazione Russa Sergey Razov, che ha sottolineato l’importanza dei rapporti tra le due nazioni: «La Federazione, nonostante le sanzioni, ha intenzione di stringere sempre più relazioni con l’Italia, collaborando in modo costruttivo, avendo forte interesse nello sviluppo economico comune. Basti pensare che da noi su 170 milioni di cittadini trenta sono potenzialmente molto ricchi e interessati a favorire l’economia italiana. Per quanto l’euro sia molto piu forte del rublo, per quanto l’economia interna russa possa sembrare molto lenta, la Russia ha grandi esigenze: milioni di turisti che si muovono, aziende che hanno bisogno di tecnologia e di manodopera italiana. Per noi l’Italia significa eccellenza. La Campania – aggiunge e conclude Razov -, grazie all’eccellente lavoro svolto dal console onorario Vincenzo Schiavo, è pronta a sposare le nostre esigenze e a intrecciare diverse relazioni economiche, costituendo un ottimo tramite». 

Al seminario, oltre allo stesso console onorario della Federazione Russa in Campania Vincenzo Schiavo, era presente anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris che ha sottolineato come proprio in virtù del lavoro del consolato partenopeo la città sia ormai un ponte ideale tra Italia e Russia.


ULTIME NEWS