La polizia aveva l’indirizzo di Salah da tre mesi

La polizia aveva l’indirizzo di Salah da tre mesi

La polizia aveva l'indirizzo di Salah da tre mesi

Filtrano nuove ipotesi dale indagini sulle stragi: i jihadisti dell’Isis stavano preparando un attacco multiplo a Bruxelles in stile Parigi, in cui Salah avrebbe dovuto sparare in città. Ieri sera in alcuni blitz nella capitale belga sono state fermate 6 persone. Sventato un altro attentato in Francia: un arresto nella banlieue a nord di Parigi. Intanto si viene a sapere che un poliziotto aveva l’indirizzo di Abdeslam da 3 mesi. Sono stabili le condizioni della donna la cui foto è diventata uno dei simbolo degli attacchi. 

Polizia aveva indirizzo Abdeslam da 3 mesi – Un poliziotto di Mechelen (nord) aveva l’indirizzo di Salah Abdeslam, uno dei responsabili degli attentati di Parigi, dal sette dicembre scorso ma non lo ha segnalato a Bruxelles per tre mesi: lo scrive oggi il quotidiano belga DH nella sua edizione online. Secondo quanto riferito, l’ufficiale di polizia aveva ottenuto le informazioni a Mechelen e aveva inserito l’indirizzo in un rapporto confidenziale destinato alla cellula antiterrorismo della polizia giudiziaria federale di Bruxelles: rue des Quatre Vents numero 79, a Molenbeek, dove Abdeslam é stato trovato venerd’ scorso. Tuttavia, il rapporto non é stato trasmesso alla capitale ed é rimasto sotto chiave per tre mesi presso la polizia di Mechelen.


ULTIME NEWS