Egitto. Aereo dirottato a Cipro, in ostaggio anche italiano. “Motivi personali dietro gesto”

Egitto. Aereo dirottato a Cipro, in ostaggio anche italiano. “Motivi personali dietro gesto”

Aereo dirottato a Cipro, in ostaggio anche italiano

Un aereo passeggeri della compagnia EgyptAir è stato dirottato e atterrato nell’aeroporto internazionale di Larnaca a Cipro. L’aereo era partito da Alessandria ed era diretto al Cairo.

Il dirottatore, che indossava una cintura esplosiva con cui avrebbe minacciato il pilota, si chiamerebbe Ibrahim Samaha, sarebbe egiziano e avrebbe chiesto asilo politico a Cipro. L’uomo, professore di veterinaria presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Alessandria, ha rilasciato i passeggeri, tranne 4 cittadini stranieri e i membri dell’equipaggio dell’aereo atterrato all’aeroporto di Larnaca, che nel frattempo è stato chiuso. Tra gli ostaggi c’è anche un italiano, come ha confermato la Farnesina aggiungendo di aver già contattato la famiglia. L’EgyptAir in un comunicato ufficiale ha spiegato di aver negoziato il rilascio dei passeggeri, ad eccezione degli stranieri.

Dietro il gesto ci sarebbero motivi personali e non legati al terrorismo. Lo rende noto il presidente cipriota Nikos Anastasiades. ”E’ una questione relativa a una donna. Stiamo facendo tutto il necessario per rilasciare gli ostaggi”, ha aggiunto Anastasiades nel corso di una conferenza stampa congiunta con il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz in visita a Cipro. Anche il ministero degli Esteri egiziano ha confermato la versione dei motivi personali, affermando che il dirottatore sta chiedendo asilo politico e di parlare con la sua ex moglie. ”Non è un terrorista, è un idiota. I terroristi sono folli, ma non sono stupidi. Questo ragazzo lo è”, hanno detto fonti ufficiali del ministero degli Esteri egiziano citate dal Guardian.

L’emittente al-Arabiya precisa inoltre che l’ex moglie di Samaha vive attualmente a Cipro. La donna si sta recando all’aeroporto. Testimoni raccontano di aver visto l’uomo lanciare una lettera scritta in arabo fuori dall’aereo atterrato a Larnaca, chiedendo che venisse consegnata alla sua ex moglie.

L’Airbus 320 sarebbe dovuto atterrare al Cairo alle 7.15 di questa mattina (ora locale). Alle 8.30, però, il dirottatore ha contattato la torre di controllo dell’aeroporto di Larnaca per chiedere l’autorizzazione ad atterrare. L’aereo è così atterrato a Cipro alle 8.50.


ULTIME NEWS