Sant’Antonio Abate. Resta in carcere il 57enne che organizzò rapina al tabaccaio

Sant’Antonio Abate. Resta in carcere il 57enne che organizzò rapina al tabaccaio

Resta in carcere il 57enne che organizzò rapina al tabaccaio

Resta in carcere Vincenzo Messina, 57 anni, l’organizzatore della rapina al tabaccaio di Sant’Antonio Abate nel luglio del 2015. Un colpo da 23mila euro che mise a segno insieme ad altri 4 complici. Il suo avvocato aveva presentato ricorso in Cassazione chiedendo la revoca della misura cautelare. E invece gli ermellini hanno respinto il suo ricorso, confermando il carcere per il 57 enne che mise a segno la rapina che per settimane ha fatto discutere in città. 
Un colpo messo a segno con violenza. Il tabaccaio fu fermato ad un incrocio mentre stava andando a fare un versamento all’ufficio postale. Poi fu picchiato selvaggiamente e gli furono portati via i 23mila euro che dovevano servire per pagare i monopoli. Prima che i ladri si dileguassero a bordo di un’auto. 


ULTIME NEWS