Riina jr in tv: “Amo mio padre, non sta a me giudicarlo”

Riina jr in tv: “Amo mio padre, non sta a me giudicarlo”

"Amo mio padre, non sta a me giudicarlo"

Io amo mio padre non sta a me giudicare”: lo ha detto Salvo Riina, il figlio del boss Totò, nell’intervista di Bruno Vespa per Porta a Porta su Rai 1. “Amo mio padre, amo la mia famiglia, al di fuori di tutto quello ci hanno contestato, io non giudico, per quello c’è lo Stato, ci sono i giudici; la mia famiglia, mio padre mi hanno insegnato tante cose, il rispetto della famiglia, dei valori, della tradizione, la persona che sono la devo a loro”, ha continuato Riina jr, ripetendo: “Io non devo dire se mio padre ha sbagliato, per questo c’è lo Stato non tocca a me dirlo. Mentre Vespa più volte sottolinea le condanne, i 18 ergastoli comminati a suo padre e che nel libro “Riina family life” non c’è mai neanche una parola di rimprovero per il padre-boss, Salvo Riina continua a ripetere: “Il giudizio non sta a me”, e per lui “al di là di tutto c’è la persona umana, mio padre”. “Penseranno il mio sia un libro reticente ma – ha continuato Salvo Riina – ho voluto soltanto scrivere la mia vita così come l’ho vissuta nella mia famiglia”; “io rispetto mio padre” ripete più volte citando anche i comandamenti, e se Vespa ricorda anche il comandamento “non uccidere”, Riina Jr ribatte sempre lo stesso tasto: “Non tocca a me giudicare mio padre, io da parte mia lo rispetto. Non tocca a me giudicare, lo hanno giudicato lo Stato e i giudici, non condivido ma mi sta bene”. “Salvatore Riina – conclude – è mio padre, Totò Riina è un acronimo identificato dai giornalisti”.


ULTIME NEWS