“Pensavo fosse l’uomo perfetto ma violentava mia figlia”: il post virale su facebook

“Pensavo fosse l’uomo perfetto ma violentava mia figlia”: il post virale su facebook

"Pensavo fosse l'uomo perfetto ma violentava mia figlia": il post virale su facebook

“Mi chiamo Catherine, ho 34 anni e vivo in Colorado. Mia figlia Alyssa ne ha 17. Due anni fa ho iniziato a frequentare un uomo che conoscevo da 20 anni, aveva già tre figli, tra cui una bambina che ha solo un anno in meno della mia. Era intelligente, romantico e affascinante. Pensavo di aver trovato l’uomo della mia vita. Ci siamo sposati ed ero felicissima. Ma il 23 aprile 2015 ho ricevuto una chiamata dalla polizia: la sera prima aveva violentato mia figlia”.

Inizia così il commovente racconto per immagini realizzato da una mamma del Colorado, Catherine St. Germain che su Facebook ha postato un video in cui ripercorre la sua storia. “Mia figlia aveva solo 15 anni – spiega in una serie di cartelli – L’ho cacciato di casa e a settembre avevamo già divorziato. Ha continuato a dichiararsi innocente fino a quando gli esami del Dna non hanno rivelato il contrario. Il 20 gennaio 2016 è stato condannato a 90 giorni di carcere”.

“I mostri sembrano persone normali e si comportano come tali – conclude – sono davvero bravi a nascondere la loro vera natura. So che pensate che una cosa del genere non potrà mai capitare a voi, però tutte le madri single dovrebbero consultare il ‘Sex offender registry’ (il registro adottato negli Stati Uniti in cui vengono segnalate le persone che hanno compiuto molestie sessuali, ndr)”.

“Molti di voi sanno l’inferno in cui ha vissuto la mia famiglia l’anno scorso – si legge nella didascalia che accompagna la clip – Vi chiedo di condividere questo piccolo video, credo che non dobbiamo rimanere in silenzio ma aprire uno spiraglio di luce in questa questione oscura”. A giudicare dai numeri, l’appello di Catherine non sembra rimasto inascoltato: in pochi giorni il video è diventato virale sul web, ottenendo oltre oltre 55 milioni di visualizzazioni.


ULTIME NEWS