San Giuseppe Vesuviano. Cimice in ufficio, Catapano dribbla il consiglio

San Giuseppe Vesuviano. Cimice in ufficio, Catapano dribbla il consiglio

Cimice in ufficio, Catapano dribbla il consiglio

«Il sindaco non prenderà parte alla seduta odierna (ieri per chi legge, ndr) perché bloccato da improrogabili impegni di lavoro». Chi s’aspettava una prima reazione ufficiale del primo cittadino di San Giuseppe Vesuviano dopo la spy story che lo sta vedendo grande protagonista in questi giorni è rimasto deluso. Vincenzo Catapano, bloccato da improcrastinabili impegni di natura lavorativa, ha saltato la regolare seduta del consiglio comunale, convocata in via straordinaria per ieri mattina, e nella quale sono stati riconosciuti gli oltre 80 debiti fuori bilancio contratti dall’amministrazione nell’ultimo periodo. Con una nota letta dal presidente del consiglio comunale Nello De Lorenzo è stata annunciata la grande assenza del sindaco di San Giuseppe; era la prima uscita ufficiale dopo il ritrovamento di una microspia all’interno del suo ufficio nell’ultimo weekend. E invece continua il muro del silenzio alzato dall’avvocato con la fascia tricolore che preferisce ancora non commentare la vicenda che ha portato lo scompiglio all’interno del Municipio di piazzale Elena D’Aosta. 

+++TUTTI I DETTAGLI IN EDICOLA OGGI SU METROPOLIS QUOTIDIANO+++


ULTIME NEWS