Ricetrasmittenti e risposte già fatte: scandalo al concorso per guardie carcerarie

Ricetrasmittenti e risposte già fatte: scandalo al concorso per guardie carcerarie

Ricetrasmittenti e risposte già fatte: scandalo al concorso per guardie carcerarie

Radiotrasmittenti, auricolari, bracciali contenenti risposte alle domande del concorso per allievi agenti penitenziari sono stati sequestrati dalla task force di vigilanza alla prova d’esame che si è tenuta a Roma il 20 aprile scorso. Sarebbero quasi una novantina – 88 secondo le prime informazioni – gli indagati trovati in possesso di cellulari contraffatti, telefonini sotto le cui cover c’erano le risposte d’esame. Il concorso si è svolto alla Nuova Fiera di Roma il 20, 21 e 22 aprile. Vi hanno partecipato 11mila uomini per 300 posti e 2mila donne per cento posti. Tutte e tre i giorni le operazioni di controllo e sequestro del materiale, hanno molto allungato i normali tempi di svolgimento delle prove, che si sono protratti fino all’una di notte e addirittura fino alle tre di notte l’ultimo giorno. Il concorso non è stato annullato ma il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha chiesto una relazione urgente al capo del Dap, Santi Consolo.


ULTIME NEWS