Fonderie Pisano, continua la produzione

Fonderie Pisano, continua la produzione

Fonderie, continua la produzione

SALERNO – Le Fonderie Pisano continuano a lavorare dopo le comunicazioni della Regione Campania e accelerano la procedura per la delocalizzazione. La proprietà dell’opificio salernitano ha chiarito la sua posizione dopo gli ultimi provvedimenti di Palazzo Santa Lucia. Questa la nota completa. «In seguito alle notizie diffuse nella giornata di ieri si ritiene opportuno precisare quanto segue: il documento ricevuto su iniziativa dei competenti Uffici della Regione Campania (UOD Autorizzazioni Ambientali e Rifiuti-Salerno) si configura dal punto di vista tecnico/giuridico nell’avvio del procedimento di adozione del provvedimento di diffida a rimuovere completamente la permanenza delle criticità evidenziate nella relazione ispettiva finale del Dipartimento Arpac di Salerno.

Entro quindici giorni  dal ricevimento del provvedimento (pervenuto nella giornata dI ieri, giovedì 28 aprile) l’azienda ha facoltà di produrre osservazioni, scritti, memorie ostative alla sospensione.

Tale precisazione si rende necessaria al fine di confermare – prioritariamente alla platea di  utenti e clienti dell’azienda – che le attività dello stabilimento non sono state al momento sospese.

Si ribadisce – in coerenza con quanto dichiarato nei mesi scorsi – da parte dell’azienda la più piena e totale collaborazione con le Autorità che procedono ai rilevamenti ed alle ispezioni. Con il pool di tecnici interni ed esterni in queste ore si prosegue nella messa a punto di tutti gli interventi che possano ottemperare alle prescrizioni evidenziate  e richieste. Anche da questo punto di vista si sottolinea il massimo sforzo dal punto di vista operativo per eliminare le cause strutturali delle criticità segnalate».

 

Occorre, altresì, aggiungere che la proprietà ha avviato da tempo tutte le azioni necessarie al reperimento del suolo necessario al fine di realizzare il percorso di delocalizzazione che si ritiene inderogabile sia per le modifiche intervenute nell’assetto urbano della zona di Fratte/Via dei Greci che per rendere attuabile il programma di sviluppo aziendale con la conseguente tutela degli attuali livelli occupazionali. E’ evidente che tale programma potrà essere realizzato in un contesto di collaborazione istituzionale – nel pieno rispetto dei ruoli, delle competenze e delle norme vigenti in materia ambientale – salvaguardando la continuità delle attività produttive e dell’interlocuzione aziendale con i mercati di riferimento in Italia ed all’estero.

 

Sono in corso trattative per procedere all’acquisto della nuova area e si confida quanto prima di potere annunciarne l’esito positivo. Subito dopo si procederà all’attuazione di un piano di trasferimento dello stabilimento che richiederà un periodo di tempo compatibile con l’attivazione delle nuove linee produttive.


ULTIME NEWS