Il “sogno” di Papa Francesco

Il “sogno” di Papa Francesco

Il "sogno" di Papa Francesco

Papa Francesco invoca un nuovo umanesimo per l’Europa basato su tre capacità: “integrare, dialogare, generare”. L’appello arriva durante il conferimento al Papa del Premio Internazionale Carlo Magno 2016 alla presenza di numerose autorità. Nella Sala Regia del Vaticano ci sono anche il premier Matteo Renzi e la cancelliera tedesca Angela Merkel. “Che cosa ti è successo, Europa umanistica, paladina dei diritti dell’uomo, della democrazia e della libertà? Che cosa ti è successo, Europa terra di poeti, filosofi, artisti, musicisti, letterati? Che cosa ti è successo, Europa madre di popoli e nazioni, madre di grandi uomini e donne che hanno saputo difendere e dare la vita per la dignità dei loro fratelli?”, chiede il Papa.

Bergoglio esorta a costruire ponti e ad abbattere muri seguendo l’esempio dei Padri fondatori: “I progetti dei Padri fondatori, araldi della pace e profeti dell’avvenire, non sono superati: ispirano, oggi più che mai, a costruire ponti e abbattere muri . Sembrano esprimere un accorato invito a non accontentarsi di ritocchi cosmetici o di compromessi tortuosi per correggere qualche trattato, ma a porre coraggiosamente basi nuove, fortemente radicate; come affermava Alcide De Gasperi, ‘tutti egualmente animati dalla preoccupazione del bene comune delle nostre patrie europee, della nostra Patria Europa’, ricominciare, senza paura un ‘lavoro costruttivo che esige tutti i nostri sforzi di paziente e lunga cooperazione’. Questa trasfusione della memoria ci permette di ispirarci al passato per affrontare con coraggio il complesso quadro multipolare dei nostri giorni”.


ULTIME NEWS