Elezioni comunali rinviate al 12 giugno: i motivi che potrebbero influire sulla decisione

Elezioni comunali rinviate al 12 giugno: i motivi che potrebbero influire sulla decisione

Elezioni comunali rinviate al 12 giugno: i motivi che potrebbero influire sulla decisione

Domani 11 maggio la II sezione bis del Tar del Lazio si pronuncerà sul ricorso promosso dal Codacons per posticipare le prossime elezioni amministrative al 12 giugno. L’associazione dei consumatori ha infatti promosso un ricorso finalizzato a spostare la data delle comunali, impugnando al Tar la scelta del Ministero dell’Interno di individuare il 5 giugno come data per le elezioni. “La scelta del 5 giugno limita il diritto di voto dei cittadini”, afferma in una nota il presidente Carlo Rienzi. “In tale data, infatti, molti italiani saranno in vacanza per il ponte del 2 giugno e di conseguenza o non si recheranno alle urne, o dovranno subire disagi per esprimere il proprio voto. Noi vogliamo invece sia garantita la massima affluenza possibile alle urne, spostando di una settimana la data delle elezioni. Il ricorso è stato notificato a tutti i partiti politici ma nessuno di questi si è costituito nel giudizio per appoggiare l’iniziativa – prosegue Rienzi – Evidentemente ai partiti non interessa che gli italiani vadano a votare”. Domani quindi il Tar del Lazio (Presidente Stanizzi, Relatore Mangia) deciderà se accogliere o meno il ricorso dell’associazione, che apre anche un “giallo”: il decreto di fissazione delle amministrative al 5 giugno non apparirebbe sulla Gazzetta Ufficiale né su altri documenti ufficiali, circostanza che potrebbe far decadere tutti gli atti conseguenti. 


ULTIME NEWS