Napoli. Il marito spende tutto lo stipendio in videopoker, la moglie fa chiudere la sala giochi

Napoli. Il marito spende tutto lo stipendio in videopoker, la moglie fa chiudere la sala giochi

Il marito spende tutto lo stipendio in videopoker, la moglie fa chiudere la sala giochi

Gli agenti del Commissariato di ”Vicaria-Mercato” erano impegnati in un normale servizio di controllo quando passando in Corso Garibaldi, a Napoli, sono stati fermati da una donna in forte stato di agitazione che ha chiesto loro aiuto perché suo marito da un paio di mesi andava in una sala scommesse e spendeva l’intero stipendio in videopoker. La donna era disperata perché non riusciva più a far fronte alle spese per la gestione domestica e dei figli. Gli agenti hanno effettuato un giro di perlustrazione nella zona individuando, in Vico Tutti i Santi, angolo Via Santa Maria del Riposo, una sala da giochi. A seguito di un controllo, i poliziotti hanno accertato che l’attività era svolta senza alcuna autorizzazione Comunale e all’interno erano installati 10 apparecchi videopoker ai quali stavano giocando 4 persone.  Il titolare, un uomo di 61 anni del quartiere Secondigliano, è stato denunciato in stato di libertà, perché responsabile dei reati di esercizio del gioco d’azzardo e possesso di macchine videopoker. All’interno del locale, sprovvisto anche della tabella dei giochi proibiti, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato 11 chiavi per la ricarica delle slot machine, oltre 380 euro in banconote di vario taglio e 10 schede madri per slot machine. Al locale sono stati apposti i sigilli e anche i 4 avventori sono stati denunciati, in stato di libertà, per il reato di partecipazione a gioco d’azzardo.


ULTIME NEWS