Fonderia Pisano, in piazza la rabbia delle famiglie

Fonderia Pisano, in piazza la rabbia delle famiglie

Il corteo sfila per il centro chiedendo la delocalizzazione dell'impianto

Un centinaio di persone questa mattina sta prendendo parte al corteo organizzato per chiedere la delocalizzazione delle fonderie Pisano dal quartiere Fratte di Salerno e dalla Valle dell’Irno. “Oggi Salerno respira”, ha detto Lorenzo Forte, esponente del Comitato promotore Salute e Vita. Tanti anche i rappresentanti politici presenti alla marcia partita da piazza Vittorio Veneto e che proseguirà per tutte le strade del centro cittadino. Assenti i sindacati, dopo la grave denuncia dei lavoratori di un figlio di un operaio che è stato picchiato a scuola perché il padre lavora nella fabbrica della famiglia Pisano. La questione resta molto sentita in città, al punto da dividere l’orientamento delle persone e quello della politica sulla necessità o meno di spostare e delocalizzare gli impianti sul banco degli imputati.


ULTIME NEWS