A Napoli la pizza più lunga del mondo: centinaia di pizzaioli, 2000 chili di farina e 1600 di pomodori

A Napoli la pizza più lunga del mondo: centinaia di pizzaioli, 2000 chili di farina e 1600 di pomodori

A Napoli la pizza più lunga del mondo: centinaia di pizzaioli, 2000 chili di farina e 1600 di pomodori

Sotto gli occhi di napoletani e turisti, centinaia di piazzaioli napoletani e stranieri si sono messi all’opera per realizzare la pizza piu’ lunga al mondo ed entrare cosi’ nel Guinness dei primati. Obiettivo e’ battere il record attuale e realizzare una pizza lunga 2 chilometri. L’ambizioso progetto intitolato ‘L’unione fa la pizza’ e’ stato promosso da Pizza Village e si avvale del patrocinio del Comune di Napoli e della Fondazione Univerde e della collaborazione dell’associazione Pizzaiuoli napoletani. Scenario dell’impresa, il lungomare Caracciolo dove sono stati allestiti cinque forni a legna ed e’ stato posizionato un tavolo lungo appunto 2 chilometri. I maestri pizzaiuoli prepareranno un’unica e lunghissima pizza margherita seguendo il disciplinare STG e utilizzeranno soltanto prodotti Doc campani. Per la preparazione sono stati impiegati 2mila chili di farina certificata STG, 1600 chili di  pomodoro, 2mila chili di fiordilatte, 250 litri di olio e 30 chili di basilico. Tempo stimato per la preparazione e’ poco piu’ di quattro ore. A dare il via alle operazioni di preparazione, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris che, nel sottolineare che ”bisogna attendere il risultato”, ha tuttavia espresso l’auspicio che Napoli ”possa raggiungere anche questo altro record cosi’ da avere la pizza piu’ lunga del mondo, sul lungomare piu’ bello e nella citta’ piu’ bella. I nostri pizzaiuoli – ha aggiunto il sindaco -rappresentano con la loro bravura in modo egregio una delle tradizioni piu’ belle e storiche della citta’ tanto da aver richiesto di nominare la pizza bene patrimonio Unesco”. Una volta conclusa la fase di preparazione e di cottura, la pizza sara’ valutata, verificata e certificata dal giudice del Comitato del Guinness World Records che seguira’ ogni passaggio dall’impasto, alla stesura nelle speciali teglie traforate, fino all’ultimazione della cottura. ”E’ un orgoglio – ha detto l’organizzatore Claudio Sebillo – abbiamo messo in campo uno sforzo notevole per riportare Napoli nella storia della pizza e, una volta raggiunto l’obiettivo, stasera ci sara’ una grande festa per fesetggiare con tutti i pizzaiuoli artefici di questa grande opera”. Al termine della performance, la pizza sara’ offerta ai presenti e, grazie al coordinamento con l’assessorato alle Politiche sociali del Comune di Napoli, una parte sara’ donata all’associazione ‘Camper onlus’ impegnata a sostegno dei senza fissa dimora, alla Croce Rossa italian e all?associazione ‘Chicchi di grano’. In serata le associazioni, con il coordinamento del Centro Salvatore Buglione, si occuperanno di distribuire 500 metri della pizza del record offrendo cosi’ un pasto caldo a chi ne ha bisogno.


ULTIME NEWS