Stesso killer per le prostitute uccise a Salerno

Stesso killer per le prostitute uccise a Salerno

Stesso killer per le lucciole

 

Tassello dopo tassello Procura e investigatori ricostruiscono i delitti delle due prostitute uccise (altrove) e abbandonate  in un terreno incolto tra San Leonardo e via dei Carrari. Secondo gli inquirenti sarebbe fondato  il motivo di credere che ad uccidere Roxana Alina Ripa (ritrovata cadavere il giorno di Santo Stefano) e Mariana Szekeres (corpo scoperto il 15 maggio) sia stata la stessa mano. Nulla nuovo rispetto alle prima ipotesi ma cambia sicuramente il movente che ha portato al doppio omicidio: inizialmente si era ipotizzato che ad uccidere le due lucciole romene fosse stato un potenziale serial killer, cliente o  rapinatore. E cambia sicuramente anche il presunto assassino che avrebbe agito nell’ambito dello sfruttamento della prostituzione. Per gli investigatori le due donne- seppur uccise a distanza di quattro mesi l’un dall’altra-avrebbero intralciato “la piazza” ad una banda di albanesi che a Salerno avrebbe avuto interessi per altre  lucciole che loro stessi avrebbero avuto sotto l’ala protettiva.

+++ TUTTI I DETTAGLI NELL’EDIZIONE DI METROPOLIS IN EDICOLA OGGI +++


ULTIME NEWS