Abusi sessuali e pressioni per “rifarsi”: la rivolta delle modelle

Abusi sessuali e pressioni per “rifarsi”: la rivolta delle modelle

Modelle denunciano le agenzie

Abusi sessuali, pressione per sottoporsi a interventi di chirurgia esterica e disturbi alimentari. Otto delle più blasonate agenzie di modelle di tutto il mondo stanno per finire davanti ai giudici per un caso che rischia di svelare il lato più oscuro dell’industria della moda. Sono molte le modelle, come riporta il ‘Mail Online’, che hanno fatto causa a una serie di agenzie internazionali come la Wilhelmina Models, Wilhelmina Models International Elite, Click, MC2 Model and Talent Miami, MC2, Next e Major Model Management, raccontando di come abbiano vissuto in vero e proprio inferno nel mondo patinato del fashion system.

Alla base della loro denuncia sembra esserci la presunta elusione delle leggi che regolano il lavoro di modella: migliaia di dollari dedotti dal loro stipendio come false ‘spese’, addebiti esorbitanti per gli appartamenti presi in affitto, pagamenti ritardati o mancati e alto ancora. Da parte loro, le agenzie hanno ribadito che le affermazioni delle modelle sono prive di fondamento e che le loro denunce sono false: tra le modelle e le agenzie viene sempre sottoscritto un accordo equo.

A far finire l’industria del modeling nell’occhio del ciclone è stato il caso di Louisa Raske, modella 35enne, che iniziò la sua carriera quando era ancora al secondo anno di liceo. La ragazza aveva notato che il suo viso era finito su una scatola di tinta per capelli, senza che i diritti di utilizzo dell’immagine le fossero stati corrisposti. “Ero assieme a un mio amico avvocato – afferma la ragazza – Abbiamo chiesto alla mia agenzia perché non avessi ricevuto il pagamento e loro mi hanno detto che non erano riusciti a trovarmi. Era impossibile!”.

A denunciare questo sistema è anche Rachel Blais: “A New York vivevamo in un appartamento dell’East Village che aveva due camere da letto. Si trovava in un bel palazzo, ma noi eravamo in 11 e abitavamo in un seminterrato”. La modella racconta inoltre che nonostante lavorasse in modo regolare, riusciva a guadagnare appena 75 dollari a settimana. “Avevo un personal trainer – spiega – il che significava un’ulteriore spesa perché dicevano che ero ‘troppo grassa’. Così a 19 anni la mia agenzia mi chiese di fare una liposuzione. Ecco come ti indebitano: prima ti chiedono di fare un intervento, lo pagano loro, poi però devi restituirgli l’intera somma. Quando ho rifiutato mi hanno dato una lista di fotografi con i quali sarei dovuta andare a letto”.

Anche Carolyn Fear, oggi 46enne, ha raccontato che aveva solo 19 anni quando firmò per l’agenzia Ford e si trasferì a New York. “Quando presi lo stipendio mi accorsi che mancavano 1.500 dollari – racconta – Così chiesi spiegazioni e la fondatrice dell’agenzia Eileen Ford mi disse ‘Non ti ho vista sulla copertina di ‘Vogue’. Ero terrorizzata, pensavo che mi avrebbero licenziata”. Solo più tardi Carolyn scoprì che quei soldi erano stati spesi per includerla nel book dell’agenzia.

A unirsi al coro anche Lorelei Shellist, oggi 57enne che vive a Los Angeles e fa la designer. Con la sua testimonianza vuole dare coraggio alle ragazze che subiscono abusi nell’industria della moda: “Lo faccio perché voglio aiutare le modelle principianti – commenta – non per soldi”. L’ex modella ha ricordato di quando posava e viveva in un appartamento fuori Parigi di proprietà di John Casablancas, il fondatore dell’agenzia Elite. “Nell’appartamento eravamo cinque modelle e ricordo che un giorno si presentò con una ragazza svedese di 15 anni. Si chiusero in camera da letto e ne uscirono un’ora dopo. Quella ragazza lavorò moltissimo da quel momento”.


ULTIME NEWS