Lui muore, la vedova di un italiano si fa fecondare dal suo seme

Lui muore, la vedova di un italiano si fa fecondare dal suo seme

Lui muore, la vedova di un italiano si fa fecondare dal suo seme

Una giovane donna spagnola, vedova di un italiano morto a 30 anni di cancro, potrà avere un figlio dal marito defunto. Malgrado la pratica sia vietata in Francia, il Consiglio di Stato francese ha autorizzato oggi il trasferimento del seme dell’uomo in Spagna, dove l’inseminazione post mortem è legale. Secondo la sentenza, rifiutare sarebbe stato un colpo “chiaramente eccessivo al diritto del rispetto della vita privata e familiare” della ricorrente, si legge sul sito di Le Figaro.

Al centro di questa vicenda vi è una storia d’amore estremamente dolorosa, quella di una coppia di trentenni, Mariana Gonzalez Gomez e il marito Nicola Turri, che vivevano insieme a Parigi. Dopo la diagnosi di un tumore, l’uomo aveva fatto congelare il suo seme nel 2013, dato che i trattamenti medici rischiavano di renderlo sterile. Purtroppo Nicola non ce l’ha fatta ed è morto il 9 luglio 2015. Ma nel testamento aveva dato il suo assenso all’inseminazione della moglie anche dopo la sua morte. Rimasta vedova, Mariana è tornata a vivere a Malaga, in Spagna. Ed ha avviato una battaglia legale per poter avere un figlio dal marito. la sua vittoria arriva giusto in tempo: per la legge spagnola l’inseminazione post mortem è possibile entro un anno dal decesso, ovvero entro il 9 luglio di quest’anno.


ULTIME NEWS