Nonno condannato per abusi si impicca. “Sono innocente”

Nonno condannato per abusi si impicca. “Sono innocente”

Nonno condannato per abusi si impicca

Un nonno di 68 anni si è impiccato dopo essere stato condannato dalla Corte d’Appello di Genova per violenze sessuali sui due nipoti che accudiva mentre i loro genitori erano al lavoro. L’uomo ha lasciato un biglietto sul tavolo del soggiorno in cui ha scritto «Sono innocente», come aveva detto al processo. Il nonno era stato condannato a quattro anni e 4 mesi di reclusione: si è ucciso a poche settimane dalla sentenza. L’uomo è sempre stato difeso dalla moglie, che ora non può più vedere i nipoti perché i genitori dei ragazzini glielo impediscono. La vicenda comincia alla metà del 2014, quando uno dei ragazzini, 14 anni, si confida con un insegnante e racconta: «Il nonno ci compra le figurine, le mette in tasca e poi ci chiede di prendergliele e cammina nudo davanti a noi» e rivela anche un paio di episodi più spinti. Quei racconti vengono confermati anche dal fratello, 12 anni. E a quel punto scatta la segnalazione ai servizi sociale e alla Procura dei minori: indagano i carabinieri. I ragazzi non vanno più dai nonni e l’uomo, nonno paterno, va a processo. A fine 2015 viene condannato e gli viene imposto di non avvicinarsi all’appartamento dei nipoti. Anche in Appello arriva la condanna. 

 


ULTIME NEWS