Agguato a Napoli. Il boss si fa scudo con Ciro: muore un 19enne innocente

Agguato a Napoli. Il boss si fa scudo con Ciro: muore un 19enne innocente

Il boss si fa scudo con Ciro: muore un 19enne innocente

La corsa disperata in ospedale. A Villa Betania. Ciro ha i vestiti intrisi di sangue. Ha un proettile piantato in corpo. In pieno petto. Il respiro è flebile. Alla fine Ciro molla. Muore sotto i ferri in sala operatoria, nonostante il tentativo dei medici di salvargli la vita. Ciro Colonna aveva 19 anni, L’ha ammazzato la camorra ieri pomeriggio. Nell’agguato il cui obiettivo era un deliquente, un killer, Raffaele Cepparulo, fuggito dalla sanità dove un clan rivale l’aveva inserito nella black list. Vittima innocente della barbarie dei caln, Ciro. Gli investigatori non hanno dubbi. Un proiettile gli si è pianato in pieno petto e c’è chi dice che la colpa sia proprio di Cepprulo. Si sussurra che il ras degli Esposito-Genidoni, “Ultimo” come si faceva chiamare nel suo delirio criminale, si sia fatto scudo col corpo di Ciro quando s’è visto la canna della pistola puntata contro.

 

+++L’ARTICOLO COMPLETO SU METROPOLIS QUOTIDIANO OGGI IN EDICOLA++++


ULTIME NEWS