Roma. Spaccio alle porte dell’Università: nei guai un ricercatore e tre clienti

Roma. Spaccio alle porte dell’Università: nei guai un ricercatore e tre clienti

Spaccio al campus, nei guai quattro persone

Nel pomeriggio di ieri, 9 Giugno, un dottore di ricerca di 42 anni e altre tre persone sono state arrestate per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti dai Carabinieri della Compagnia Roma Centro, al termine di un’attività iniziata con la scoperta di uno scambio di droga in Piazzale Aldo Moro, davanti la città universitaria.

Transitando di pattuglia nei pressi dell’ingresso dell’università, i Carabinieri hanno notato due persone che si scambiavano qualcosa, allontanandosi in direzioni opposte e hanno deciso di controllarli.

Uno dei due era il 42enne, trovato in possesso di 100 grammi di hashish e l’altro un cittadino marocchino di 54 anni, senza occupazione e con precedenti, trovato in possesso della somma contante di 475 euro. La scoperta fatta dai militari li ha portati ad approfondire ulteriormente perquisendo le abitazioni di entrambi.

A casa del “pusher universitario”, a Pomezia, i militari, con l’ausilio dei colleghi di zona, hanno rinvenuto altri 11 grammi di hashish e materiale per il confezionamento delle dosi.
Invece, a casa del cittadino marocchino, dove era presente anche la moglie, in via dell’Archeologia, a Tor Bella Monaca, con l’ausilio dei colleghi della Compagnia di Frascati, i Carabinieri hanno trovato 3,2 Kg di hashish divisi in panetti, oltre 65 grammi di marijuana in dosi, varie dosi di cocaina, oltre ad un bilancino di precisione, materiale per il taglio e confezionamento dello stupefacente e 1.700 euro in contanti, provento dello spaccio. Per tale motivo è stata arrestata anche la donna, 33 anni, con la medesima accusa.


ULTIME NEWS