Trema l’economia mondiale: Brexit manda a picco i mercati, anche Milano crolla

Trema l’economia mondiale: Brexit manda a picco i mercati, anche Milano crolla

Trema l'economia mondiale: Brexit manda a picco i mercati, anche Milano crolla

Sprofonda Piazza Affari nell’ultimo giorno di scambi della settimana e chiude con il Ftse Mib che perde il 3,62% a 17.120 punti, mentre l’All Share lascia sul terreno il 3,38%. Brexit fa paura e le piazze finanziarie europee chiudono in profondo rosso l’ottava. Mentre si avvicina l’appuntamento del 23 giugno prossimo, con il referendum che deciderà le sorti del Regno Unito rispetto all’Unione europea, si assiste a una vera e propria fuga dal rischio sul mercato azionario con il conseguente crollo dei listini del Vecchio Continente. Milano, alla fine, è la peggiore.

Nel resto dell’Europa, Parigi perde il 2,24%, Francoforte segna -2,52%, Londra -1,86%. Tra le blue chips milanesi, si assiste al risk off soprattutto nel comparto bancario e assicurativo. Unipol perde il 6,85%, Ubi -6,57%, Unicredit -6,37%, Mps -6,51%, Unipolsai -4,96%.

Un po’ meglio gli industriali e gli energetici con Italcementi che cede lo 0,29%, Tenaris -0,31%, Eni -2,06%. Di contro, acquisti sul settore obbligazionario con il Bund tedesco al minimo rendimento storico. Sul mercato valutario, in calo la moneta unica europea sul biglietto verde, con l’euro scambiato a 1,13 dollari. Giù anche il prezzo del petrolio con il Wti in consegna a luglio che al Nymerx viene scambiato sotto i 50 dollari al barile (49,49); il Brent ad agosto 2016 a 50,89 dollari.


ULTIME NEWS