La lettera d’addio di Morata: “Sarò sempre juventino”

La lettera d’addio di Morata: “Sarò sempre juventino”

La lettera d'addio di Morata: "Sarò sempre juventino"

“Ovunque mi trovero’, mi sentiro’ sempre uno juventino e potro’ dire orgoglioso e ad alta voce che ho indossato la maglia della Juventus e di essere stato campione con questa squadra”. Alvaro Morata saluta cosi’ il club bianconero, sul suo sito ufficiale, dopo che il Real Madrid ha esercitato nei giorni scorsi il diritto di recompra dell’attaccante spagnolo, prossimo avversario dell’Italia a Euro2016. “Grazie a tutti per avermi permesso di far parte di questa famiglia”, scrive Morata “con tutto l’affetto”. “Non e’ facile per me scrivere questa lettera”, sottolinea Morata, che ha indossato la maglia della Juventus per due stagioni. “In primis voglio ringraziare tutte le persone che hanno creduto in me, che hanno puntato su di me e che mi hanno trattato benissimo – scrive l’attaccante – affinche’ io fossi felice alla Juventus e a Torino”. Il giocatore spagnolo cita in particolare il presidente Andrea Agnelli, Pavel Nedved, John Elkann, Giuseppe Marotta, Matteo Fabris e “soprattutto” Fabio Paratici e Javier ribalta. “Grazie a tutti coloro – aggiunge – che fanno parte della Juve” e, in particolare, “a tutti i tifosi juventini per il grande sostegno e l’affetto incondizionato che non mi hanno fatto mai mancare. Grazie all’allenatore per la fiducia riposta in me e per avermi fatto diventare un calciatore migliori, ai capitani per essersi presi cura di me con tanta dedizione e ai miei compagni di squadra per tutti gli incredibili giorni passati con loro, perche’ e’ stato spettacolare vincere con loro. Rimango segnato da questa societa’, dalla sua storia e da tutti voi”.


ULTIME NEWS