«Ho ucciso la trans e la sua amica». Fermato il killer di Firenze

«Ho ucciso la trans e la sua amica». Fermato il killer di Firenze

Duplice omicidio di Firenze, fermato il sospetto assassino

E’ stato preso M.A., il 42enne ricercato per l’omicidio di una transessuale e di una sua amica in un appartamento in via Fiume, a pochi passi dalla stazione di Santa Maria Novella, a Firenze. La caccia all’uomo in tutta la Toscana si è conclusa ieri sera, quando l’uomo ha chiamato il 112 dicendo di essere l’autore degli omicidi. Il 42enne è stato fermato a Monticiano, in provincia di Siena, e portato in carcere. Ancora da chiarire i motivi che hanno portato al duplice omicidio.

Dopo gli omicidi l’uomo aveva chiamato i genitori, spiegando di aver fatto “una cavolata” e, allontanatosi a piedi dall’abitazione a due passi da Santa Maria Novella, era salito a bordo della sua Citroen C1 rossa e aveva lasciato la città.

Nell’appartamento al primo piano di via Fiume era stato ritrovato e sequestrato il coltello da cucina utilizzato per uccidere la transessuale brasiliana, all’anagrafe Gilberto Manoel Da Silva, 45 anni. Il killer si sarebbe poi scagliato contro una donna domenicana, Mariela Yosefina Santos Cruz, 27 anni, che è stata trovata in fin di vita per le scale del palazzo e che è morta poco dopo l’arrivo al pronto soccorso dell’ospedale di Santa Maria Nuova. Una ragazza di 25 anni, che pure si trovava nell’appartamento, è sopravvissuta lanciandosi dalla finestra al primo piano.


ULTIME NEWS