Lascia accesa candela antizanzara: incendio distrugge un camping. Notte di paura per mille turisti

Lascia accesa candela antizanzara: incendio distrugge un camping. Notte di paura per mille turisti

incendio distrugge un camping. Notte di paura per mille turisti

Sono terminate attorno alle ore 15 le operazioni principali di soccorso da parte dei vigili del fuoco per l’incendio divampato questa mattina presso il campeggio Pra delle Torri a Caorle. L’incendio ha distrutto 43 bungalow danneggiando anche un’altra decina di strutture ricettive. Nessuna persona è rimasta ferita. Nell’incendio sono state coinvolte 86 bombole gpl con l’esplosione di quattro. I vigili del fuoco sono intervenuti con 30 operatori e 10 mezzi antincendio tra cui 4 autobotti e un carro schiuma, riuscendo a circoscrivere le fiamme nell’arco di 90 minuti, evitando l’estensione del rogo al villaggio turistico. L’elicottero Drago 82 del reparto volo di Venezia e Drago 60 di Bologna hanno monitorato l’andamento dell’incendio dall’alto dando indicazioni alle squadre a terra, pronti a operare con le benne antincendio se c’è ne fosse stato bisogno. Le operazioni sono state coordinate dal comandante dei pompieri di Venezia Loris Munaro. Le cause del rogo sono al vaglio dei tecnici dei vigili del fuoco. Ancora sul posto due squadre dei vigili del fuoco di San Donà per eventuali focolai residui, che proseguiranno la vigilanza fino alla rimozione di tutte le strutture bruciate. I danni provocati dal rogo sono consistenti, anche se è ancora presto per fare una stima. La causa delle fiamme non è stata ancora accertata, ma la direzione del camping riferisce di una candela rimasta accesa che avrebbe innescato la miccia. In particolare il quotidiano Il Gazzettino scrive che un cittadino danese di 55 anni in vacanza con la famiglia è stato denunciato per disastro colposo per aver lasciato accesa una candela antizanzara.

 


ULTIME NEWS