Salerno. Giallo sui permessi per le Fonderie Pisano

Salerno. Giallo sui permessi per le Fonderie Pisano

Fonderie, giallo sui permessi

SALERNO – Emergono nuovi particolari  sul sequestro delle Fonderie Pisano operato dai carabinieri del Noe diretti dal capitano Giuseppe Ambrosone su input della Procura: al centro della vicenda- insieme al problema inquinamento- ci sarebbe l’Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale), risultata «inefficace e illegittima». Ma proprio quel permesso che la magistratura  inquirente giudica «fuorilegge» sarebbe stato rilasciato quando l’opificio di via Dei Greci era già sottoposto a sequestro su disposizione dell’allora pubblico ministero Carmine Olivieri. Era il 2012. Pisano in quel periodo avrebbe  esercitato l’attività in assenza di autorizzazione.

 

+++TUTTI I DETTAGLI SULL’EDIZIONE ODIERNA DEL QUOTIDIANO METROPOLIS+++


ULTIME NEWS