Stupro in spiaggia a Salerno, la vittima: «Violentata anche in famiglia»

Stupro in spiaggia a Salerno, la vittima: «Violentata anche in famiglia»

Stupro in spiaggia, le rivelazioni della 30enne

SALERNO – «Con Makkak ho avuto un rapporto sessuale, Zaziqui invece mi ha solo toccata e palpeggiata. Ma la violenza c’è stata in entrambi i casi ed io non ero per nulla consenziente  e non conoscevo  neppure i due marocchini». Due ore di incidente probatorio davanti al giudice delle indagini preliminari Renata Sessa e il Pm Francesco Rotondo. La trentenne di origine magrebina, domiciliata a Salerno, ha raccontato cosa accadde nella tarda serata di metà maggio sulla spiaggia di Santa Teresa.  Scoppia a  piangere. Lo fa mentre  racconta la sua infanzia. «Ho ricevuto uno  stupro in famiglia e adesso voglio che chi si rende autore  di queste atrocità venga punito severamente».

 

+++TUTTI I DETTAGLI SULL’EDIZIONE ODIERNA DEL QUOTIDIANO METROPOLIS+++


ULTIME NEWS