Vive su una sedia a rotelle dopo un intervento sbagliato, nei guai 24 medici del Ruggi

Vive su una sedia a rotelle dopo un intervento sbagliato, nei guai 24 medici del Ruggi

Vive su una sedia a rotelle dopo un intervento sbagliato, nei guai 24 medici del Ruggi

SALERNO – «Costretta a vivere sulla sedia a  rotella per un intervento sbagliato». Medici e infermieri del Pronto Soccorso, Rianimazione e Neurochirurgia dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona rischiano  di essere processati  con l’accusa di gravi lesioni permanenti ai danni di una cinquantenne  salernitana. Complessivamente sono 24 per i quali il pubblico ministero titolare del fascicolo Roberto Penna- che si è avvalso della perizia  medica di Giovanni Zotti- ha chiesto l’archiviazione alla quale si è opposta la parte offesa, assistita dall’avvocato Angela Cisale. Decide il giudice per le udienze preliminari Stefano Berni Canani. La storia è tra giugno e luglio  del 2015 quando una salernitana di 50 anni  avvertì  un malore in casa: fu aneurisma all’arteria cerebrale. Fu trasportata in ospedale al “Ruggi” e sottoposta  a Tac, i medici decisero di operarla d’urgenza. Subì l’intervento ma dopo qualche  giorno l’equipe  medica dovette riaprire la ferita. 

+++TUTTI GLI APPROFONDIMENTI NELL’EDIZIONE ODIERNA IN EDICOLA DEL QUOTIDIANO METROPOLIS+++


ULTIME NEWS