Travolge e uccide due donne: “Volevo morire”

Travolge e uccide due donne: “Volevo morire”

Travolge e uccide due donne: "Volevo morire"

“Volevo morire”. Con queste parole Emanuele Secci, il militare di 36 anni della Brigata Sassari che nel pomeriggio di giovedi’ scorso era scappato a piedi dopo aver travolto e ucciso due donne con la sua auto lungo la strada a quattro corsie Sassari-Alghero, ha cominciato la sua deposizione nell’interrogatorio che si e’ tenuto questa mattina davanti al gip del tribunale di Sassari, Antonello Spano, per la convalida degli arresti. L’uomo, accompagnato dai suoi avvocati Edoardo Morette e Andrea Delias, e’ apparso ancora molto scosso per l’accaduto e ha cercato di spiegare al giudice il motivo della sua fuga, subito dopo lo scontro. Ha riferito di ricordare pochissime cose dell’incidente. In particolare ha raccontato di aver preso in braccio la bambina ferita e di averla consegnata nelle mani di una signora che era accorsa sul posto per i primi soccorsi. “Ho rivissuto una delle tante terribili scene che gia’ avevo affrontato piu’ volte durante le missioni militari in Kossovo e in Medio Oriente – ha spiegato Secci – Scene che dopo tanti anni e tanta fatica pensavo di essere riuscito a rimuovere, e che invece si sono ripresentate come ho preso la bambina ferita fra le mie braccia. Non ho pensato piu’ a nulla, solo che volevo morire”, ha continuato il caporal maggiore dell’Esercito. “Adesso sono qui – ha ripreso – e sono pronto a prendermi le mie responsabilita’ per quello che e’ successo, come ho sempre fatto nel corso della mia vita. Sono qui, non scappo e sono pronto ad accettare le decisioni della giustizia”.


ULTIME NEWS