Ripescaggi in Lega Pro, bocciature in vista: verso la riapertura dei termini

Ripescaggi in Lega Pro, bocciature in vista: verso la riapertura dei termini

Ripescaggi in Lega Pro, bocciature in vista: verso la riapertura dei termini

Davvero credevate fosse tutto finito? La composizione della prossima Lega Pro (60 squadre, suddivise in 3 gironi da 20) è operazione complessa. Andrebbe definita domani, ore 13, quando il Consiglio Federale esaminerà le domande di ripescaggio arrivate dalla serie D per completare l’organico. In lizza ci sono 16 club: Racing Roma (ex Lupa Castelli), Melfi, Lupa Roma, Albinoleffe, Pro Patria, Fano, Fondi, Olbia, Forlì, Cavese, Taranto, Reggina, Monza, Rieti, Lecco e Vibonese. I posti in palio sono 12, ma molte domande non sarebbero complete, almeno così le avrebbe valutate la Covisoc (la Commissione di vigilanza sulle società di calcio). Che si fa allora? Possibile che la riunione di domani, presieduta da Carlo Tavecchio, dia via libera al ripescaggio in C dei club in regola e poi, per raggiungere le 60 squadre, si decida addirittura di riaprire i termini per la presentazione d’ulteriori candidature. Con il rischio d’un’altra stesura dei calendari con le incognite X e Y (e si spera non s’arrivi anche a Z). Davvero credevate fosse tutto finito?


ULTIME NEWS