Sgozzato per un brano musicale sull’iPhone: preso l’assassino del caso Decatlhon

Sgozzato per un brano musicale sull’iPhone: preso l’assassino del caso Decatlhon

Preso il presunto assassino

Nella tarda serata di ieri, i carabinieri della Compagnia di Battipaglia hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica di Salerno, il pregiudicato Youssef El Khalidi, 33enne marocchino, senza fissa dimora, in quanto ritenuto responsabile dell’omicidio del connazionale 35enne Elman Soriy, avvenuto il pomeriggio di giovedì scorso 11 agosto nel piazzale antistante il Decathlon di Montecorvino Pugliano.

Le ininterrotte ed articolate indagini dei militari battipagliesi hanno permesso di raccogliere incontrovertibili elementi di colpevolezza nei confronti del 33enne il quale, durante un litigio scaturito per futili motivi riconducibili a disaccordi circa i brani da ascoltare attraverso la funzione radio di un telefono cellulare in loro momentaneo uso, sferrava alla vittima, di fatto suo amico, un fendente con un coccio di bottiglia, colpendolo al collo e causandone il decesso.

L’aggressore, datosi alla fuga subito dopo il delitto, è stato reperito nel primo pomeriggio di ieri 12 agosto, nel corso di un mirato servizio di osservazione, nei pressi di una mensa per senzatetto, gestita da volontari, situata a Montecorvino Pugliano, poco distante dal luogo del commesso omicidio.

Il fermato, al termine delle formalità di rito, è stato tradotto al carcere di Salerno.

(Nel riquadro della foto, da sinistra il presunto assassino e la vittima)


ULTIME NEWS