Pompei. Furto vergognoso, rubate le caldaie ai bimbi dell’asilo

Pompei. Furto vergognoso, rubate le caldaie ai bimbi dell’asilo

Pompei. Furto vergognoso, rubate le caldaie ai bimbi dell'asilo

Rubate due caldaie dell’asilo nido delle case popolari di via Nolana, nel cuore della periferia di Pompei. Un’odissea senza fine per gli impianti di riscalda-mento. Infatti soltanto due anni fa erano state rubate da un gruppo di ladri. Un caso che ha fatto insorgere i residenti, che in diverse occasioni hanno lamentato la scarsa sicurezza in cui versa la zona. Un colpo messo a segno dai soliti ignoti nella struttura scolastica. Un furto fotocopia rispetto a quello messo a segno qualche tempo fa. Stessa refurtiva e stesse modalità. Si potrebbe dire, a questo punto, che i ladri attendo-no prima il collaudo delle nuove caldaie, installate dalla direzione del primo circolo didattico  per passare successivamente, indisturbati, all’azione. A favorire l’operazione dei malviventi, infatti, è la location delle due caldaie. Installate di nuovo all’esterno della struttura scolastica. La conseguenza è che ai ladri è bastato, anche stavolta, superare (o forzare) il cancello esterno per arrivare, indisturbati, alla “preda”. I ladri han-no avuto tutto il tempo di smontare la gomma esterna per poi portare via gli impianti di riscaldamento. «La sicurezza nella nostra zona è pari a zero. Ci vorrebbero le telecamere di video sorveglianza. Quando si decide il comune a farle installare?», a chiederselo sono proprio le famiglie di bambini che frequentano la scuola, pre-occupate per la mancanza di riscaldamento che si registrerà nell’asilo pubblico nel prossimo inverno, se non si provvederà con urgenza a sostituire le due caldaie. La mancanza di antifurto ha consentito ai ladri di agire praticamente indisturbati. Un episodio che si aggiunge alla lunga lista di raid, furti e rapine che hanno travolto, in queste settima-ne, la periferia di Pompei. L’ultimo episodio, in ordine di tempo, il colpo che ha travolto le casse della farmacia di via Messigno, il negozio delle rapine diventato emblema delle strade di confine della città mariana. Le arterie nelle quali, nonostante il grande lavoro delle forze dell’ordine, la sicurezza, per cittadini e commercianti, resta un pallido miraggio.


ULTIME NEWS