Gli ultras della Salernitana al fianco di Barbato nella partita più dura

Gli ultras della Salernitana al fianco di Barbato nella partita più dura

Gli ultras della Salernitana al fianco di Barbato nella partita più dura

Gravi ma stabili le condizioni di Enzo Barbato, il 41enne salernitano finito in Rianimazione al Ruggi dopo un violento schianto all’alba di sabato mentre era in sella al suo scooter. I medici del nosocomio di via San Leonardo hanno avviato l’iter per provare il risveglio “abbassando” il livello dei sedativi. Appena arrivato al nosocomio di Salerno, è stato sottoposto a una delicata operazione. Ha riportato danni molto seri al collo ma soprattutto ai polmoni. L’impatto ha provocato traumi alla gabbia toracica, motivo per cui i polmoni sono sotto stretta osservazione da parte dei camici bianchi. Intanto, mentre l’ex portiere di  Gragnano, Scafatese e Baronissi lotta contro la morte, un’altra tragedia ha investito la famiglia dell’atleta, ora allenatore dei portieri a Potenza: nella mattinata di Ferragosto è deceduto il papà della vittima, Michele (malato da tempo), le cui condizioni si sono aggravate nello scorso fine settimana. Nella giornata di ieri si sono svolti i funerali  dell’uomo. Intanto, gli ultras della Salernitana appartenenti allo storico gruppo “Nuova Guardia” hanno esposto uno striscione nei pressi della rotatoria di Pastena, vicino all’uscita della tangenziale: “Enzo non mollare”, si legge sul drappo di stoffa poggiato a un’inferriata che recinta alcuni palazzi del popoloso quartiere della zona orientale.


ULTIME NEWS