Napoli, scoperta la bancarella dei cellulari rubati

Napoli, scoperta la bancarella dei cellulari rubati

Napoli, scoperta la bancarella dei cellulari rubati

Era pronto ad allestire la sua bancarella di materiale rubato, quando è stato fermato dagli agenti dell’Ufficio prevenzione generale di Napoli. I poliziotti, infatti, nell’ambito del controllo del territorio, nel primo pomeriggio di oggi, hanno effettuato dei mirati servizi volti al contrasto del triste fenomeno della ricettazione. Nella zona a ridosso di Piazza Garibaldi, gli agenti hanno sorpreso un immigrato sul marciapiede di Via Diomede Marvasi che, nonostante avesse una gamba ingessata, si era trascinato dietro un grosso borsone dal quale estraeva numerosi smartphone, delle macchine fotografiche ed un tablet, il tutto da esporre in vendita. Dopo aver osservato i movimenti dell’uomo, un cittadino marocchino di 38 anni, i poliziotti sono intervenuti identificandolo e chiedendogli contezza della merce esposta. I telefoni ed il tablet, tutti di ultima generazione, erano privi di schede sim e di micro sim.  Tra le macchine fotografiche, è stata rinvenuta e sequestrata anche una fotocamera Canon del tipo professionale.  Non si esclude che il materiale sequestrato dai poliziotti, 9 smartphone, 5 fotocamere ed  un tablet, sia provento di qualche furto o scippo avvenuto nei confronti di turisti che in questi giorni affollano la città.  Per gli smartphone, sono in corso accertamenti, attraverso il numero seriale IMEI, al fine di risalire ai rispettivi proprietari. Il 38enne, trovato in possesso di un permesso di soggiorno scaduto, è stato denunciato, in stato di libertà, per il reato di ricettazione, mentre la sua posizione è al vaglio, per quanto riguarda la legge degli stranieri in Italia.


ULTIME NEWS